Pellegrinaggi a maggio


Per secoli i cristiani hanno dedicato il mese di maggio alla venerazione e al culto speciale della Madre di Dio e Madre nostra. Attraverso varie manifestazioni di pietà mostriamo l'amore che abbiamo per Colei che ha saputo amare Dio sopra ogni cosa e che, per amore di Lui, accoglie anche noi come suoi figli.


Per inaugurare il mese di maggio, un gruppo di seminaristi si è recato in pellegrinaggio al Santuario della Madre delle Grazie della Mentorella, situato a 1018 m di altitudine tra Tivoli e Palestrina, nel sud-est di Roma. Il complesso del Santuario conserva la prima grotta che San Benedetto da Norcia scelse come luogo di ritiro e di preghiera. Dal 1857, il Santuario è sotto la custodia della Congregazione della Risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo, che ha le sue origini in Polonia.


Sia per la sua profonda devozione alla Madre del Signore, sia per l'amicizia con la comunità di sacerdoti della stessa patria del Santo, San Giovanni Paolo II, essendo pontefice, visitò più volte il tempio dove tante volte, prima della sua elezione, aveva reso omaggio a Maria Santissima. Ringraziamo i Padri Resurrezionisti per la loro calorosa accoglienza.


Seguendo la tradizione della nostro Collegio, il sabato 7 maggio gli studenti del terzo anno di teologia si sono recati al primo santuario mariano della storia: la Santa Casa di Loreto. Loreto ospita la casa in cui, secondo la tradizione, visse la Madre del Signore e in cui pronunciò il suo sì quando le fu proposto, tramite l'Angelo, di essere la Madre di Cristo. La visita guidata a cui hanno potuto partecipare ha permesso loro di apprezzare a fondo il valore che Loreto ha per la storia del cristianesimo e di leggere la profondità di tutti i simboli che impreziosiscono il tempio.


In entrambi i pellegrinaggi abbiamo recitato tutte le parti del Rosario, pregando Dio, per i meriti di Maria Santissima, di permetterci di accettare il progetto che ha per la nostra vocazione, come fece Maria quando pronunciò il suo fiat.