top of page

L'esperienza del deserto


La Quaresima, iniziata il Mercoledì delle Ceneri, ha avuto un momento importante pochi giorni dopo con il ritiro mensile, che si è tenuto il 17 febbraio ed è stato guidato da Padre Petar Popovic, sacerdote croato e professore della facoltà di Diritto Canonico presso l'Università Pontificia della Santa Croce. Il ritiro è sempre un momento per riflettere, pregare e orientarsi verso il Signore. Questa volta, il predicatore ha enfatizzato l'importanza della preghiera e della penitenza nella Quaresima. Un tema importante del suo discorso è stata “l’esperienza del deserto".


Questo tema è stato anche trattato nella catechesi del Papa. La Prima Domenica di Quaresima, Papa Francesco ha focalizzato il suo discorso dell'Angelus sulla tentazione di Gesù nel deserto per sottolineare che è un invito per noi ad entrare nel proverbiale deserto per venire "in contatto con la verità". Il Papa ha riflettuto che quando entriamo in questa simbolica "selvaggia interiorità", anche noi "incontriamo bestie selvatiche e angeli". Il sermone del Padre Popovic è stato un'anticipata risonanza degli aspetti del "Deserto" spiegati dal Santo Padre.


Don Petar ha anche spiegato il significato teologico della tentazione di Gesù. Dopo la meditazione, il predicatore ha ascoltato le confessioni e il ritiro si è concluso con l'Ora Santa. Ravvivati dopo il ritiro del mese, i seminaristi guardano avanti con spirito e fervore per vivere profondamente la Quaresima.

Comments


bottom of page