Dal Sedes verso Betlemme...


Chi ha vissuto nel Sedes Sapientiae sa bene che nel Collegio ci sono alcune tradizioni che riempiono la casa di spirito natalizio e che ci permettono di condividere in modo fraterno la gioia dell’Incarnazione e Nascita del Salvatore.


L'ingresso del Collegio ha cambiato aspetto quando i seminaristi hanno allestito il "Presepe". Tutta la comunità si è riunita per la benedizione di uno dei segni centrali di questo tempo liturgico. Quella stessa sera, i formatori e i seminaristi hanno cantato canzoni in diverse lingue davanti alla tenera rappresentazione.


La maggior parte dei seminaristi viaggia in varie parrocchie per aiutare nel lavoro pastorale del periodo natalizio e per questo motivo, pochi giorni prima della loro partenza, organizziamo una cena di gala e, come è diventata una tradizione, gli studenti di teologia del secondo anno sono incaricati del servizio della cena. La serata raggiunge il suo culmine con la "Recita di Natale", una messa in scena scritta e recitata dai compagni del terzo anno che cerca, in modo divertente e familiare, di ricordare a tutti i presenti Chi è al centro di tutte le celebrazioni natalizie. La Recita 2021 è stata intitolata "Via così, dal Sedes verso Betlemme".


Quest'anno si sono distinti personaggi come i Re Magi che, visitando il Collegio, hanno cercato di dare ai seminaristi strumenti per santificare la loro vita quotidiana e i diavoletti che hanno fatto di tutto per distrarre i seminaristi. Senza dubbio il dolore di pancia per aver riso così tanto ci metterà qualche giorno a scomparire e il messaggio che la commedia ha trasmesso non scomparirà mai: fare di Cristo il centro della nostra esistenza.